Memoria: meglio una storia o i numeri?